22 Settembre 2017

RICCARDO PIERANDREI: “PIEDI PER TERRA E MASSIMA CONCENTRAZIONE”

L’exploit di Matelica, contro una delle vere e proprie bestie nere della Jesina, ha portato grande entusiasmo in un ambiente che,

dopo le prime apparizioni, era rimasto un po’ scettico sulle qualità della squadra di Gianangeli, sembrata molto compatta nel reparto arretrato, ma un po’ spuntata in avanti.

Domenica ci sarà un importante banco di prova: al “Carotti” il San Marino, squadra di ottima qualità. Per tastare il polso dello spogliatoio biancorosso abbiamo incontrato uno dei protagonisti del match di Matelica: Riccardo Pierandrei, alla sua sesta stagione in biancorosso, con alle spalle 93 gare e 19 reti tutte con la maglia della Jesina.

Riccardo, partiamo da domenica, quale è il morale della squadra dopo il blitz di Matelica?

"La vittoria di domenica, insperata alla vigilia, ha portato tanto entusiasmo e convinzione di poter fare veramente bene in questo torneo. L’importante è continuare ad avere la testa sulle spalle e piedi per terra, perché contro il San Marino domenica sarà un’altra battaglia, con una squadra che sa giocare molto bene al calcio. Se ci montiamo la testa, vuol dire che non abbiamo capito niente".

Quest’anno la società sta puntando molto su di te, sei partito bene anche in precampionato ed hai già fatto gol alla terza giornata, come ti senti?

"Molto bene, questo è il sesto anno con la Jesina ed anche se non ho mai giocato con una certa continuità, penso di aver maturato comunque una buona esperienza in questo torneo. Voglio ripagare la fiducia che la società mi ha concesso mettendo il massimo impegno in campo. Vedo anche un ambiente ricompattato ed una tifoseria tornata a sostenerci in gran numero anche fuori".

Ti trovi bene con il modulo studiato da Gianangeli?

"Sì, gli anni scorsi tendevamo a giocare spesso con una punta centrale, invece con Gianangeli giochiamo con il classico 4-4-2. Per me è indifferente, mi trovo a mio agio in entrambi i moduli, sia da prima punta che in coppia, l’importante è giocare!"

Quali sono le caratteristiche di questa Jesina rispetto alle altre degli anni precedenti?

"Questa Jesina è molto giovane, ma questo non vuol dire che sia scarsa o senza esperienza, assolutamente. Ci sono giocatori che, nonostante la giovane età, hanno ottima qualità e fatto già esperienze importanti. Inoltre, nonostante la rosa sia stata rinnovata in gran parte, sì è creato sin da subito un ottimo gruppo ed uno spogliatoio molto unito".

Nelle prime partite, ad eccezione del secondo tempo di Matelica, la squadra è sembrata molto compatta ma poco incisiva in attacco, sei d’accordo?

"È normale che nelle prime partite occorre trovare subito un certo equilibrio nel reparto arretrato, poi successivamente bisogna cercare di essere sempre più efficaci anche in attacco. Con la Recanatese in effetti potevamo fare molto meglio, anche se abbiamo trovato un campo pesantissimo che non ci ha certamente agevolato. Possiamo solo crescere in questo senso".

La Juniores Nazionale di Mister Daniele Bedetti rispetterà un turno di riposo nel proprio campionato.

Per la rubrica #LAVOCEDEILEONCELLI

Michele Grilli

Viale Cavallotti, 39 - JESI (An)
Tel: 0731.200405 - Fax: 0731.200405
E-mail: info@jesinacalcio.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree