07 Ottobre 2017

KEVIN TRUDO: “IL “CAROTTI” NOSTRO DODICESIMO UOMO”

A Vasto è arrivata la prima sconfitta stagionale per 2-1 con una Jesina che ha cercato di rimontare comunque il doppio svantaggio ed è uscita a testa alta da uno stadio, L’Aragona, sempre difficile da affrontare.

Archiviata la sconfitta, la Jesina è chiamata subito ad un doppio confronto casalingo con il Pineto dell’ex Amaolo ed il derby con la Vis Pesaro. Se il match con il Pineto sembrerebbe sulla carta quello più abbordabile, senza dimenticare che le squadre di Amaolo, mister che conosce la D come pochi, sono sempre quadrate e difficilissime da affrontare, proprio come quella Jesina che guidò nelle stagioni 2011/12 e 2012/13, quello con la Vis sa già di primo vero esame.

A questo proposito, abbiamo incontrato un altro veterano, Kevin Trudo, giunto al suo quarto anno in biancorosso, con all’attivo 92 gare e 27 reti segnate.

Kevin, come hai visto la squadra domenica a Vasto? In cosa è mancata la Jesina?

A Vasto abbiamo fatto una buona partita, siamo stati puniti da due disattenzioni, di cui una proprio alla fine del primo tempo. Poi siamo stati bravi a reagire, ma non è bastato per arrivare al pareggio che secondo me sarebbe stato il risultato più giusto. Speriamo che questa lezione ci serva per il futuro.

Domenica arriva il Pineto e la Jesina è chiamata subito a riscattarsi, poi ci sarà il derby con la Vis.

Il bello del calcio è che offre subito l’occasione per riscattarsi. Dobbiamo sfruttare al massimo il “Carotti”, che per noi è stato sempre il dodicesimo uomo, anche se sappiamo non sarà facile. Pensiamo però ad una gara per volta.

Ancora non hai fatto centro, a quando la prima rete?

Io non sono uno che vive per il gol. E’ normale che per un attaccante segnare è molto importante. Quello che conta adesso è che la squadra sia riuscita ad ottenere un certo equilibrio, stiamo lavorando tutti molto bene, personalmente mi sento al 100% e sono convinto che continuando così arriverà anche il gol.

Dopo queste prime gare e dalla lettura della rosa delle formazioni avversarie, come giudichi questo torneo?

Come ogni anno tutte le squadre sono attrezzate molto bene, poi quello che si legge sulla carta lascia il tempo che trova. Spesso squadre date in seconda e terza linea diventano outsider pericolosissime. Vedo comunque un certo equilibrio, senza una prima della classe assoluta.

Quest’anno il pubblico è tornato ad entusiasmarsi, con molte presenze anche in trasferta, quanto pensi possa incidere?

Tantissimo. A Matelica come a Vasto i nostri tifosi non hanno mai smesso di incitarci, anche quando stavamo perdendo. Noi lavoriamo e cerchiamo di dare il massimo anche per ripagare la loro fiducia, sperando di avere un “Carotti” sempre più pieno domenica dopo domenica.

Per la rubrica #LAVOCEDEILEONCELLI

Michele Grilli

Viale Cavallotti, 39 - JESI (An)
Tel: 0731.200405 - Fax: 0731.200405
E-mail: info@jesinacalcio.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. Cookie policy. I accept cookies from this site. Agree